Archivio | ma anche di… RSS feed for this section

Traslochiamo a www.miprendoemiportovia.it

25 Set

Cari lettori è’ con estrema soddisfazione che oggi 25 Settembre vi annunciamo il nostro trasloco a www.miprendoemiportovia.it

E’ da Maggio (ebbene sì Maggio) che tra innumerevoli incontri e rompicapo abbiamo lavorato al trasferimento al .it

Sono stati mesi di confronto, fatica, disegni, riflessioni: “Dove vogliamo andare? Cosa ci caratterizza? Che tipo di travel blogging è quello in cui crediamo?” questo e molto altro, tutto quello che ci frullava per la testa.

Un ringraziamento particolare va a Linda e Ceci che ci hanno accompagnati per mano a capire quale direzione volevamo prendere e a Gu che con pazienza ha curato la parte informatica.

Golix ha investito tempo ed energie, matite e gomme, mouse e tavolette per far nascere la creatura giusta. Ha disegnato tutti i social, ha riadattato tutte le immagini.

Io ho rivisto i contenuti, corretto di qua, aggiustato di là.

E alla fine è nato www.miprendoemiportovia.it

La nostra intenzione è di puntare il più possibile sulle immagini oltre che sulle parole. Siamo convinti che il travel blogging sia una sapiente miscela di immagini ben fatte e parole.

Oltre alle categorie relative ai 5 continenti (a breve post sull’Australia) e ad una specifica sull’Italia ci sarà uno spazio dedicato all’enoturismo.

Ci sarà ancor più spazio per i libri di viaggio che ci hanno colpito e anche per gli special guest del mercoledì (se guardate da una parte c’è un banner apposito per chi è interessato siccome vorremmo che il nostro blog divenisse uno spazio per tutti i viaggiatori per condividere idee, impressioni, esperienze).

Chi vorrà potrà ricevere una newsletter con i post della settimana (per chi già ci seguiva qui su wordpress.com sarà necessario reinserire la propria mail nel nuovo box siccome non è stato possibile importare i contatti).

E dulcis in fundus abbiamo in serbo per voi una sorpresa,

che questo nuovo viaggio abbia inizio!

Annunci

In Umbria la scultura-architettura di Arnaldo Pomodoro è anche cantina

22 Set

Ci si arriva percorrendo una strada tra le colline umbre. Sulla via alcune sculture presagiscono lo spettacolo che poco innanzi vi si parerà davanti. Improvvisamente si staglia nel cielo una colonna rossa che completa il paesaggio.

E poi  eccolo lì: Carapace.

Realizzata da Arnaldo Pomodoro per la tenuta Castelbuono come scrigno per il Sagrantino, il Carapace è l’unica scultura al mondo dove si vive e si lavora. E’ un’opera unica in cui arte, natura e vino si fondono in un tutt’uno di grande impatto visivo.

Per idearla Pomodoro si è ispirato ad un animale, la tartaruga, che emerge dal centro della terra per mostrare il suo involucro esterno. La scelta è dovuta alle caratteristiche di longevità che condivide con il vino che custodisce. Sì, perché osservandola da fuori ci si dimentica che il Carapace è soprattutto una cantina, di proprietà dei Lunelli, già noti nel panorama vinicolo per lo spumante Ferrari del Trentino.

Il vino sta invecchiando e bisogna lasciarlo invecchiare in pace.

Al suo interno un doppio bancone luccicante rosso e i bicchieri pronti per la degustazione, mentre al piano inferiore le botti dove il vino lentamente invecchia circondato da pareti azzurre e un altare, sì proprio un altare, per il Sagrantino.

Se vi piace il buon vino e amate l’arte di Arnaldo Pomodoro almeno la metà di quanto l’amiamo noi non potete perdervela.

E’ sicuro.

Sagrantino: quando ci si mette la faccia

20 Set

Guido, Marco, Liu, Grazia, Paolo: facce, volti, sorrisi che si nascondono dietro ad una Cantina vinicola.

Conoscerli non è stato solo piacevole, è stato importante perché si è trattato di un contatto vero, di quelli che quando torni a casa ti senti più ricco. Durante il nostro soggiorno a Montefalco l’associazione Strada del Sagrantino ci ha organizzato una visita individuale a diverse cantine vinicole della zona e così abbiamo avuto il piacere di conoscere i proprietari.

i proprietari delle Cantine Perticaia

Guido ci ha parlato proprio di questo, mentre noi degustavamo il suo vino, dell’importanza dell’incontro fra le persone. Guido trasuda passione e amore incondizionato per il suo Sagrantino, lo definisce un vino dalle grandi potenzialità inespresse, e ci ha creduto davvero quando da originario della Romagna ha deciso di trasferirsi qui con la moglie. Ha aperto nel 2000 le cantine Perticaia perché tutti possano usufruire di questo patrimonio e ha chiamato l’azienda con la parola con cui nel linguaggio antico si chiamava l’aratro, proprio per sottolineare il legame indissolubile con la terra e il profondo radicamento col territorio. Lui, il cui nome significa vite.

viale di accesso alle Cantine Caprai

Marco proprietario delle Cantine Caprai ci invita ad unirci ad una tavola già imbandita dove lo chef Salvatore Denaro tiene banco. Una cucina con vista a perdita d’occhio sui filari, una tavola lunghissima a cui siedono i commensali e buon vino che non guasta. Marco sa come accogliere la gente e farla subito sentire parte della compagnia. E’ istrionico quanto il suo fidato chef che dopo aver chiuso i battenti del proprio ristorante ha preso dimora qui e gestisce mirabolanti cooking class che già di per sé sono uno spettacolo.

Cantine della Tenuta Scacciadiavoli

Liu giovane ma non in erba enologa dell’azienda Scacciadiavoli, ci accompagna in una visita alle storiche cantine, ora proprietà della famiglia, edificate nel lontano 1884 ad opera di un principe. Ci spiega che il nome Scacciadiavoli deriva da quello di un antico borgo che sorge in prossimità della tenuta dove risiedeva, appunto, un esorcista. Anche nei suoi occhi si legge tutta la passione e l’amore per un prodotto che grazie a questa capacità umana non ha che da crescere negli anni.

tramonto sul vigneto della Tenuta Lungarotti

Grazia si occupa delle pubbliche relazioni per la Tenuta Lungarotti ma quando ce ne parla, in inglese forbito essendoci accodati ad una visita di due californiani, è come se parlasse di qualcosa di suo. L’azienda sorge nel piccolo borgo medievale di Torgiano e comprende anche due musei (Museo del vino e Museo dell’Olivo e dell’olio) e un resort. La passione per l’azienda gliela si legge dritta negli occhi e quando ci guida fra i locali della cantina moderna ne è così fiera che quasi sembra che stia parlando di casa.

ingresso alle cantine Le Cimate

Paolo è il primo proprietario che abbiamo incontrato e gestisce insieme alla sorella, la cantina Le Cimate, cantina giovane, nata nel 2011 ma presente nella storia del Sagrantino da più di sessant’anni. La cantina è infatti il frutto del lavoro di tre generazioni, il nonno da sempre dedito all’agricoltura, il padre che ha avuto il coraggio di credere in questo investimento e Paolo che ha deciso di dedicare la sua vita al vino e ha tutto l’entusiasmo di chi assumendosi un grosso rischio vuole farcela davvero. Tra le sue parole si legge l’ambizione di emergere, la voglia di portare il proprio vino a livelli alti.

degustazione presso le Cantine Perticaia

Per un enotour nelle terre del Sagrantino vi consigliamo:

le splendide degustazioni di vino e pecorino gestite da Guido e dalla moglie presso le Cantine Perticaia;

le cooking class di Salvatore Denaro alle Cantine Caprai;

una visita alle storiche cantine Scacciadiavoli per osservare il sistema di vinificazione a caduta e per assaggiare lo Spumante Brut metodo classico da uve di Sagrantino;

di assaggiare il Toralco (vino rosso composto da Cabernet Sauvignon, Merolt e Sagrantino) alla Tenuta Lungarotti e godervi un trattamento di vinoterapia presso il loro centro benessere;

di pranzare nella sala degustazione della Cantina Le Cimate.

Che ne dite? Vi abbiamo fatto venire voglia di un viaggio nel cuore dell’Umbria o no?

A Montefalco per la festa del Sagrantino

19 Set

Colore rubino intenso che quando si fa vecchio tende al granato. Profumo di more. Sapore asciutto.

Siamo nel cuore dell’Umbria sulle colline di Montefalco e il vino che stiamo degustando è il Sagrantino. Ogni anno la cittadina lo celebra per tre giorni e il tutto culmina in una grande festa della vendemmia nella sua bella piazza circolare. Giovani avvinazzati, anziani col cappello di paglia, musica e balli, crocchi di persone che cantano “O sole mio”, bambini che fanno il giro giro tondo o cercano di capire come funziona un torchio, avventori sull’ultimo salume, vestiti a quadri, pannocchie e grappoli d’uva.

Vorrei esser nata a Montefalco solo per poter vestire i panni della contadina e prendere parte a questa festa. Io che vengo dalla terra del Lambrusco non posso che amare questo luogo dove le donne pigiano, almeno per un giorno, il vino coi piedi, come mio nonno ancora fa fare a mia nonna nell’aia della casa.

Una festa, quella della vendemmia, che nasce nel 1934, subisce uno stop per forze di causa maggiore e riprende per poi arrivare fino ad oggi.

banco d’assaggio alla presenza dei sommelier

L’associazione Strada del Sagrantino ci ha invitati a seguire Enologica33 che vede Montefalco come centro nevralgico delle attività. Fra le belle vie del centro medievale si può partecipare al banco d’assaggio dove i 19 produttori associati propongono i loro vini in degustazione. La scelta è ampia, i vini in degustazione sono per lo più il Montefalco Rosso, il Sagrantino Montefalco e il Grechetto.  Altra attività molto interessante è prendere parte alle passeggiate dei sapori, tour in minibus della durata di tre ore in cui è prevista la visita a due cantine del territorio in un gruppo di circa trenta persone. Per tutta la durata della manifestazione le cantine sono aperte e su prenotazione è comunque possibile visitare i loro spazi o prendere parte alle loro iniziative anche individualmente. Per qualsiasi informazione esiste un ufficio in centro a Montefalco, l’ufficio Strada del Sagrantino dove le operatrici sapranno darvi le dritte che state cercando.

Settembre tempo di vendemmia, tempo di vite che dà i suoi frutti, tempo di ripresa e di raccolto, quale modo migliore che festeggiarlo prendendo parte ad un momento come questo? Possiamo solo dirvi che noi siamo tornati felici e soddisfatti del bel tempo passato fra questi dolci pendii, girovagando di cantina in cantina a conoscere persone di cui vi racconteremo nei prossimi giorni.

Prendere e partire tra CouchSurfing e au Pair

12 Set

Buongiorno cari lettori, la nostra special guest di questo mercoledì è Rossella che a breve partirà per una due mesi tra couchsurfing, volontariato e lavoro. Ci racconterà di un viaggio che è già iniziato non solo nella sua testa ma anche in rete collezionando contatti e incontri che prenderanno pian piano forma. A noi è piaciuto leggere del suo entusiasmo e crediamo sia un buon esempio da condividere con voi su come organizzare un viaggio in solitaria ma che in solitaria non è.

18 Ottobre 2012 ore 845 del mattino: in questa data partirò, anzi ho deciso di partire (mi piace di più e dà più enfasi a quello di cui vi parlerò a seguire) per New York, prima tappa di un viaggio che mi terrà lontana da casa per 2 mesi esatti.

E’ stata una scelta pensata e ripensata, ma tutto è stato deciso quando il 10 Agosto di quest’anno ho comprato due guide su New York alla Feltrinelli di Bari. C’è chi dice che il viaggio inizia quando si compra la guida per quella destinazione X e si inizia a sfogliarla, studiando le cartine allegate mi domandavo: “Dov’è l’aeroporto? E la Statua della Libertà? Mmm Chinatown? Il biglietto per il MoMa quanto costa?

Ed è così che il mio viaggio ha preso forma.

Sarò 3 settimane a New York facendo couchsurfing – sarà la mia prima volta – 3 settimane a Buffalo facendo l’au pair – e avendo la possibilità di vedere le fantastiche Cascate del Niagara a due passi da lì- , 4 giorni a Toronto sempre grazie al couchsurfing, 3 giorni a Montreal a fare visita ad alcuni parenti e poi di nuovo a New York per passare gli ultimi giorni prima del rientro.

Ma andiamo con calma, vi racconto come mi sono organizzata.

A metà agosto ho iniziato a cercare i voli per New York e mi sono iscritta a workaway, una grande community che mette in collegamento chi cerca un’opportunità di lavoro e chi, da “ospitante” – sia che sia un privato piuttosto che un’associazione – ha necessità di una mano nello svolgimento di diverse attività offrendo in cambio all’ospite vitto e alloggio.
Mi sono iscritta al sito pagando € 22,00 per due anni e ho trovato una donna che vive a Buffalo e ha necessità di avere un au pair che aiuti suo figlio nell’apprendimento dell’Italiano. Ci siamo messaggiate, abbiamo parlato via Skype e dopo una settimana circa ho avuto la sua risposta positiva.

Inutile dirvi che avevo già il mouse puntato sul pulsante “Compra”  per il volo aereo.

Ho prenotato i collegamenti fra New York, Buffalo e Toronto sul sito della Megabus, una compagnia di bus supereconomica che avevo utilizzato anni fa per girare la Scozia in tutta comodità. Vi dico solo che il prezzo più basso – che è quello al quale ho acquistato io – è di $ 1,50 fisso, sia che tu stia per acquistare un viaggio di otto ore piuttosto che uno di un paio.

Ho poi iniziato a familiarizzare maggiormente con couchsurfing. Sinora non avevo mai surfato ma ho avuto due piacevoli esperienze come ospitante qui a Brindisi, l’ultima la scorsa settimana quando è stata da me Sarah, una ragazza Americana che sta facendo un viaggio in giro per l’Italia e Europa proprio utilizzando la disponibilità di tanti viaggiatori come lei iscritti al sito.

Morale della favola: couchsurfing è una manna dal cielo, ho già trovato chi mi ospiterà per i miei primi dieci giorni a New York: Jim, un ragazzo che vive a Brooklyn per una settimana e poi Marissa, una ragazza che vive a Staten Island.

Sempre sulla bacheca di New York ho postato un messaggio nel quale cerco amici con cui andare alla sfilata di Halloween e ho già ricevuto risposta da un sacco di persone nonché sono stata invitata ad iscrivermi al gruppo “NYC Couchsurfing” per partecipare con tutti i membri del gruppo all’evento. Non sto a dirvi tutto quello che ho in mente di fare a New York, una marea di cose, compreso l’andare a pattinare sul ghiaccio per la prima volta in trentadue anni presso il Rockfeller Center, avete presente quella pista che mostrano ogni santo anno in TV dove vedete decine e decine di persone che leggiadramente volteggiano sui loro pattini? Ecco, io prima del mio rientro in Patria andrò lì e volteggerò proprio come loro…anche a costo di finire col sedere a terra…

…perché mi dimenticavo di dirvi che io sono “Pazza da legare”.

Enologica 33 sulla Strada del Sagrantino

11 Set

Enologica 33 è una grande manifestazione che coinvolge produttori vinicoli locali con fama mondiale e si svolgerà dal 14 al 16 settembre nella città del Sagrantino a Montefalco in provincia di Perugia.

Una tre giorni tra degustazioni di vino, convegni, concerti e vernissage.

L’associazione Strada del Sagrantino in collaborazione col Comune di Montefalco ha coinvolto wine e travel bloggers con l’obiettivo di mettere in vetrina il vino, vera e propria eccellenza del territorio. Come ben sapete, siamo amanti del buon vino, e quando ci è stato proposto di partecipare ne siamo stati entusiasti.

Il programma è veramente intenso e prevede varie iniziative fra cui la passeggiata dei sapori in cui potremo godere delle bellezze del territorio accompagnati in un percorso alla scoperta di profumi, sapori e scorci dei luoghi di produzione di questo vino. Visiteremo così varie cantine fra cui Arnaldo Caprai e Moretti Omero nel pomeriggio di sabato e Còlpetrone e Tenuta Castelbuono nella mattinata di Domenica.

Sabato sera al tramonto sarà invece la volta dei concerti a bordo vigna presso le cantine Lungarotti e Scacciadiavoli mentre domenica mattina all’alba parteciperemo ad un agro trekking fra le vigne.

La manifestazione si concluderà con una grande festa della vendemmia per le vie di Montefalco nel pomeriggio di Domenica.

Come sempre diffonderemo in tempo reale le nostre opinioni sulle degustazioni nelle cantine degli associati alla Strada e sugli altri eventi di Enologica attraverso la nostra pagina Facebook e il nostro profilo twitter, anche se sarebbe molto più bello se vi voleste unire a noi per questa esperienza tutta da gustare, che ne dite? noi vi aspettiamo là.

 

Si ringrazia Associazione Strada del Sagrantino per le fotografie utilizzate in questo post.

Tutti matti per Colorno

2 Set

Come vi abbiamo anticipato nel post di venerdì scorso questo week end nei dintorni di Parma si tiene il festival di strada “Tutti matti per Colorno”.

image

Un festival che richiama funanboli, giocolieri, musici da tutta Europa.
Gli spettacoli iniziano verso le 17 quando il cielo si tinge di rosa e si accendono le luci delle luminare tipiche del circo, quelle tonde a luce gialla appese a fili che attraversano la piazza.

image

Colorno é già bella di per sé con la sua enorme Reggia bianca ed i suoi giardini ordinati e verdissimi.
La pioggia di questi giorni, poi, ha reso tutto più onirico.

image

Abbiamo assistito allo spettacolo di un grande artista David Dimitri che viaggia con il suo tendone da circo allestendo tutto da sé e fra risate e apprensione regala uno spettacolo eccellente di quasi un’ora che conclude sul filo a otto metri da terra.
Vi lasciamo qualche foto da Instagram per darvi un’idea e augurarsi buona settimana, domani si rinizia!

image

image

image

image

image

image