Tag Archives: macchina

Consigli di viaggio per Cuba

9 Mar

Cuba è sinonimo di spiagge bellissime, acqua cristallina, gente ospitale, ritmi latini, storia densa di un popolo e forse…un sigaro.

18 GIORNI SU E GIU PER L’ISOLA

17 Luglio: arrivo ad Holguin 18 Luglio: playa Esmaralda, Playa Guardalava, Cayo Saetia 19 Luglio: Baracoa 20 Luglio: La Farola, Santiago de Cuba 21 Luglio: Santiago de Cuba 22 Luglio: Camaguey 23 Luglio: Cayo Coco 24 luglio: Cayo Gullielmo 25 Luglio: Trinidad 26 Luglio: Trinidad 27 Luglio: Santa Clara, Remedios 28 Luglio: Remedios, Pinar del Rio 29 Luglio: Vinales 30 Luglio: Vinales 31 Luglio: Maria la Gorda 1 Agosto: Maria la Gorda 2 Agosto: Cayo Levisa 3 Aosto: Cayo Jutias 4 Agosto: Avana 5 Agosto: Avana 6 Agosto: Avana 7 Agosto: Avana 8 Agosto: Milano malpensa, Reggio Emilia

Tutto l’oriente merita moltissimo perchè è lì che si incontra la vera Cuba, magari quella che normalmente non ci vendono nei doumentari su sky! L’oriente è rigogliossissimo, con una vegetazione fantastica, le città e la gente non sono una vetrina per il turismo ma vivono di vita propria! Ciò non toglie che Trinidad e l’Avana restino dei veri gioielli, basta un colpo d’occhio per capire perchè siano patrimonio dell’umanità, peccato però che la gente e la musica sembra esistere perchè c’è un turista pronto ad ascoltare…

Da non perdere per nessun motivo la valle di Vinales, con le sue fabbriche di tabacco (che uomo Robaina e la sua azienda), il suo mare opalescente e la vegetazione più tropicale che esiste! Che dire del mare, fantastico anche se non si è a Varadero o a Cayo largo. E’ possibile soggiornare nei Cayos anche senza stare in un hotel a 5 stelle o in villaggio turistico (a Cayo coco andate al motel los cocos e godetevi le due isole che sono magnifiche), le spiagge più belle le abbiamo viste a Cayo Gullielmo e a Maria la Gorda (un vero paradiso e non solo per i sub!!!)

COME MUOVERSI: Da casa abbiamo prenotato solo la macchina (e forse nel periodo di luglio ed Agosto è veramente consigliabile visto che all’Avana ci hanno detto che le macchine erano introvabili e poi sembra che sia una soluzione più economica). La scelta della macchina ti permette di andare nei posti più impensabili e di assaporare alcune strade veramente indimenticabili (come ad esempio la Farola a Baracoa o la Valle de los injenios vicino a Trinidad) e di raccogliere per strada un sacco di cubani (in molti tentano la sorte aspettando per ore intere al solleone che qualcuno li carichi), ma parlando con alcuni italiani incontrati durante il viaggio ci hanno detto che anche con Via Azul non ci sono problemi, autobus comodi e puntuali, anche se forse non molto frequenti durante il giorno.

LA MUSICA: Ad ogni angolo c’è un complessino che suona. Se potete andate a Santiago de Cuba la settimana che precede il 26 di luglio, tempo di carnbevale con tutte le congas che sfilano e fanno festa. Se volete imparare a ballare la salsa andate da Linda alla Casa della Cultura di trinidad, una maestra indimenticabile! Se invece vi interessa imparare a suonare le percussioni afro cubane c’è Alain in zona Playa a Miramar dell’Avana.

INSOMMA SE SIETE INDECISI DECIDETE PER CUBA, LA VACANZA IDEALE: MARE, SOLE, SPIAGGE, SORRISI, STORIA, MUSICA, CITTà COLONIALI.. Andateci al più presto perchè c’è aria di cambiamento, ma andateci col “fai da te”, non fate l’errore di rinchidervi in gabbia con tanti altri italiani, non ci sono rischi di nessun genere, solo quello di godere di una vacanza indimenticabile!

Annunci

Azzardarsi a Berlino

6 Mar

Due innamorati, una Honda Jazz e 2500 Km da percorrere incontro alla vita, verso una nuova vita.

Siamo partiti un mercoledì mattina alle sei da Reggio Emilia e siamo tornati sei giorni dopo facendo meta a Berlino e passando per Bamberga.

Siamo partiti morosi come si dice dalle nostre parti e siamo tornati promessi sposi perchè in quel viaggio, una sera abbastanza calda di un 22 aprile qualunque, dopo 3 mesi che mi conosceva Luca mi ha chiesto di sposarlo.

“Ti ricorderesti di respirare se ti chiedessi di sposarmi” mi ha detto in un meraviglioso ristorante turco di Kreuzberg.

Berlino mitica cornice di una scelta che in tanti hanno definito: pazza, azzardata e chi più ne ha più ne metta!

Anche Berlino in fondo è un pò così, pazza coi suoi locali esageratamente eccentrici, azzardata essendo patria di avanguardie artistiche.

Perdersi a Berlino mi piace tantissimo, basta scegliere un quartiere e buttarsi dentro a qualche porta.

Si scoprono così mondi all’alice nel paese delle meraviglie.

E il paese delle meraviglie è anche quello in cui sto vivendo io dopo sei mesi di matrimonio con Luca.

E pensare che tutto è partito da una Honda Jazz!

Logo di Racconta il tuo viaggio in collaborazione con Touring ClubHertz
Questo post partecipa al concorso “Racconta il tuo viaggio”.
Il tuo viaggio con Hertz e Touring, gli specialisti della vacanza a tua disposizione su www.hertz.it e www.touringclub.it dove noleggiare auto per migliaia di destinazioni.
oppure
Scopri i premi